La bici­clet­ta

È cosi che si fini­sce a lavo­ra­re il fine set­ti­ma­na.

Clien­te: Buon­gior­no

Io: Buon­gior­no, desi­de­ra?

Clien­te: Alla mia bici­clet­ta man­ca una ruo­ta. Vor­rei met­ter­ce­la.

Io: Non c’è pro­ble­ma. Tut­ta la ruo­ta o solo la gom­ma?

Clien­te: La gom­ma.

Io: Mi dica il tipo di bat­ti­stra­da e lo pren­do in magaz­zi­no. Poi ci vor­ran­no solo set­te minu­ti.

Clien­te: Ecco a lei un dise­gno del bat­ti­stra­da. Ci vedia­mo tra set­te minu­ti.

Io: ???

Il clien­te se ne va. Guar­do il dise­gno e tro­vo il bat­ti­stra­da adat­to. Aspet­to che il clien­te ritor­ni.

Il gior­no dopo.

Clien­te: Buon­gior­no, è pron­ta la bici?

Io: Vera­men­te mi ha det­to che era solo il coper­to­ne, comun­que quel­lo è pron­to.

Clien­te: No, va siste­ma­ta tut­ta la bici. Coper­to­ni, manu­brio e sel­li­no.

Io: Va bene, allo­ra ho biso­gno di sape­re anche che tipo di bici è e che tipo di manu­brio e sel­li­no desi­de­ra.

Clien­te: Nor­ma­le.

Io: Nor­ma­le?

Clien­te: Sì, ho già un sel­li­no e un manu­brio però vor­rei i vostri. Pote­te usa­re quel­li che ho per far­vi un’idea.

Io: Va bene. Me li fac­cia ave­re e vedrò cosa pos­so far­ci.

Clien­te: Glie­li por­to subi­to.

Il clien­te se ne va.

Il gior­no dopo

Clien­te: Buon­gior­no, è pron­ta la bici?

Io: Vera­men­te sta­vo aspet­tan­do il sel­li­no e il manu­brio.

Clien­te: Giu­sto. Glie­li fac­cio ave­re il pri­ma pos­si­bi­le.

Il clien­te se ne va.

Il gior­no dopo

Clien­te: Buon­gior­no, è pron­ta la bici?

Io: Come le ho det­to ieri…

Clien­te: Sì, appun­to intan­to le ho por­ta­to que­sti due (enor­mi) bul­lo­ni che fis­sa­no il sel­li­no.

Io: Ma vera­men­te…

Clien­te: A pro­po­si­to, il tachi­me­tro deve esse­re ben visi­bi­le.

Io: Cosa?

Clien­te: E il ser­ba­to­io non deve osta­co­la­re il peda­le del cam­bio…

Io: Peda­le del cam­bio? Ser­ba­to­io?

Clien­te: Mi rac­co­man­do la bat­te­ria e i fusi­bi­li in una posi­zio­ne acces­si­bi­le

Io: Ma di cosa sta par­lan­do?

Clien­te: Ah! Ecco il camion…

Arri­va un gros­so camion. Due ener­gu­me­ni met­to­no a ter­ra il cari­co. Davan­ti al clien­te c’è un muc­chio di par­ti metal­li­che alla rin­fu­sa. Su uno di essi, chia­ra­men­te un ser­ba­to­io, luci­do ed aero­gra­fa­to si leg­ge chia­ra­men­te Har­ley David­son.

Clien­te: Il moto­re è li in mez­zo. È già mon­ta­to. Al resto ci pen­sa­te voi.

Io: Ma…non è una bici­cl…

Clien­te: Ave­va det­to set­te minu­ti giu­sto? Per­fet­to ci vedia­mo doma­ni. Mi rac­co­man­do che doma­ni mat­ti­na abbia­mo pre­no­ta­to la pista per il giro di pro­va.

Il clien­te se ne va.

Arti­co­li recen­ti

Be First to Comment

Lascia un commento