Storie di Ghainar Posts

maggio 27, 2015

Una forchetta. Perché no? Una forchetta sarebbe stata perfetta. La prima persona a suicidarsi a forchettate. La giusta fusione tra ridicolo e tragico. Quelli del talent show ne sarebbero stati entusiasti e il pubblico era sicuramente stanco di gente fulminata, di voli sull’asfalto, di lamette e pistole.
Dissi al barista di versarmi un’altra pinta e rilessi i moduli d’iscrizione. Una semplice liberatoria e avrei esaudito i miei due unici desideri: porre fine alla mia vita in maniera spettacolare e tirare un colpo basso alle iene con le quali condividevo una frazione significativa di geni. Sì perché avevo intenzione di donare il compenso del programma alla causa più inutile e ridicola che riuscissi a trovare. Ne avevo valutate molte e ormai la scelta era tra il finanziare un generatore orgonico anti scie chimiche alle isole Svalbard o il Centro di Rieducazione Vegana per Leoni in Kenya. Uno valeva l’altro ma quello che contava era che il milione di euro per il mio suicidio non arrivasse mai alla mia famiglia.
Leggi il resto In punta di forchetta

dicembre 11, 2014

Era una vecchia tigre, troppo vecchia per ricordare qualcosa di diverso dalla carne senza sangue, dalla frusta del domatore e dalla paglia rancida della gabbia.
Aveva avuto una compagna un tempo, forse. Non ne era più sicuro. Però un tempo la gabbia vicina era occupata ma non riusciva proprio a ricordare chi o da cosa.
L’unica cosa che le era chiara era il dolore. Il dolore pulsante che aveva al posto della coda.
Leggi il resto Sogni verdi

settembre 30, 2014

La mattinata era iniziata davvero male: non trovavo il temperamatite. Nulla di grave se non fosse che ero già in ritardo di una settimana sulla consegna delle tavole all’editore. Erano due notti che non dormivo per finire il lavoro, poi dicono che i vignettisti comici si divertono.
Insomma la mattina era iniziata male poi, ovviamente, andò peggio.
Leggi il resto Vignetta

giugno 30, 2014

Dagli audio appunti di Alessandro Urbani, restauratore edilizio.

4 gennaio

Sto restaurando una serie di appartamenti sul litorale,
risalgono a prima del salvataggio dei Gloop.
Oggi ho trovato una matita. Ho scritto la parola “matita” su una mattonella prima di sbriciolarla.

6 gennaio

Oggi ho scritto un’altra parola.
Non mi sembra che la mia mente vada in pezzi.

Leggi il resto Contenuti originali

marzo 7, 2014

La cosa che più gli dava la nausea era che al concerto dei Rotting Skulls ce l’aveva portata lui. “Dai hanno fatto anche da gruppo spalla dei Metallica. Spaccano.” le aveva detto. Fanculo. L’aveva trovata al bagno del locale durante una pausa che lo succhiava al batterista.
Il parco, buio, sembrava un buco nero scavato tra i palazzi. Verso il centro si vedevano gli intermittenti bagliori rossi di sigarette, o canne, che passavano di mano in mano e arrivavano le note smorzate di qualcuno che suonava. Aspettò che gli occhi si abituassero e individuò una panchina.
Scaldò un po’ di fumo sul palmo della mano con l’accendino e lo sbriciolò. Allungò la mano destra e si rese conto che nessuno gli avrebbe passato il tabacco da mischiare. Sara lo faceva sempre. Non c’era bisogno di chiedere o mettersi d’accordo. Era scontato, lui rollava e lei gli passava tutto. Tabacco, filtro e cartina. Una cosa piccola, ma erano le cose piccole, le tantissime cose piccole che Sara faceva che gli avevano riempito la vita.
Fosse stato il cantante almeno. Invece era il batterista quel coso basso e tutto storto. Girava voce che la vera mente del gruppo fosse lui ma non pensava che nei pochi minuti tra quando la folla li aveva separati e quando l’aveva trovata in ginocchio al bagno degli uomini potessero aver parlato molto.
Riuscì con una sola mano a strappare un biglietto dell’autobus e farne un filtro. Il caldo, il buio e le tre birre che si era scolato una dietro l’altra lo avevano reso goffo; quello che si ritrovò in mano era un piccolo salsicciotto di carta e tabacco. L’accese e aspirò la prima boccata. La musica che sentiva venire dal centro del parco era cambiata, adesso sembrava roba sudamericana. Si sdraiò sulla panchina con lo zaino come cuscino. Il fumo disegnava delle lame azzurrine quando incrociava la luce lunare che filtrava tra gli alberi. Leggi il resto Il batterista