L’ultimo attimo

Quanti pensieri possono attraversare la mente quando mancano pochi istanti alla fine?


Strano, dicono che ti passa tutta la vita davanti, non mi pare.
Vabbe’, forse il fatto che ho sfondato di testa il parabrezza non è abbastanza.
Non credo che il cranio sia rotto, non fa male…magari è troppo presto.
Che cazzo pero’, per una volta in vita mia che non metto la cintura proprio ‘sto palo dovevamo prendere.
Ma guarda! Il cofano è rosso, strano che non ci avessi fatto caso.
E’ incredibile quanti dettagli noti quando voli sopra qualcosa.
Mi sa che mi sono pure graffiato la schiena sui vetri.

Il cofano scorre sotto di me e il palo si avvicina.

Non credo di avere scampo, peccato, sarebbe stato da raccontare.
Ma poi che cazzo di palo, se ne sta li piantato nella macchina, non si è spostato di un millimetro.
Si vabbe’ le macchine che assorbono gli urti, ma pure dei pali che cedano un po’ non farebbero male.
Invece no! Da centotrenta a zero nello spazio di metà cofano! Ma si puo’ essere più imbecilli… ?!

Oh cazzo… ma chi guidava? Sarà la craniata ma non lo so.
Certo che è strano ‘sto botto…già non me lo ricordo più.

Oddio com’è vicino il palo…sarà che è fermo e io vado ancora a centrotrenta.
Sento qualcosa sulla testa, mi sa proprio che l’ho preso pieno.
Bianco.
Buio.

(da un sogno di tanto tempo fa)

Articoli recenti

Federico Maiorini Written by:

Be First to Comment

Lascia un commento